Il risveglio

Il risveglioL’altro giorno ho iniziato ad osservare le persone tra gli scaffali, ognuna prigioniera dei propri pensieri, i volti assenti, quasi apatici. Era come se ciascuno fosse solo in quel supermercato, incurante della gente che gli passava accanto. Quando sono poi giunta alla cassa la situazione mi è parsa ancora più infelice. Il cassiere, senza alzare nemmeno lo sguardo e senza un cenno di saluto, passava meccanicamente gli articoli sul lettore, gettandoli poi alla rinfusa. Quando venne il mio turno accennai un saluto, ma quello non diede cenno d’avermi sentito. Mi sembrava di essere l’unica persona ad accorgersi di quell’assurda situazione. Tornai a casa colma di tristezza ma decisa a fare qualcosa. Mi arrovellai tutta la notte, ma fu solo il giorno seguente, scrivendo la lista della spesa, che ebbi un’idea. Armata di penna scrissi citazioni, barzellette o frasi simpatiche su centinaia di post-it e, una volta terminato, mi avviai fiduciosa verso il supermercato con il mio bottino. Nessuno si accorse di me mentre appiccicavo i miei preziosi post-it su prodotti a casaccio, sulla sedia lasciata momentaneamente vuota dal cassiere, sul banco dei salumi o sui carrelli. Oh, avreste dovuto esserci! Quando qualcuno trovava uno dei miei bigliettini sembrava quasi risvegliarsi dalla nebbia che lo teneva nascosto al resto del mondo. Il suo volto veniva illuminato da un sorriso e molti mostravano il biglietto ad altri clienti, iniziando finalmente ad interagire. E’ stato incredibile!

•••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

A volte basta un piccolissimo gesto e il mondo riacquista colore.
Questo racconto nasce da un’idea che mi frulla da un po’ nella mente e che spero di poter mettere un giorno in pratica. Non sarebbe bello se potessimo rendere migliore la giornata di qualcun altro, non per soddisfazione personale, ma come un atto di puro e semplice altruismo?

5 commenti su “Il risveglio

  1. Che si dice, Bjbyna? Vedo che non stai scrivendo più niente, vabbè, capitano di questi periodi. Ma, a parte questo, tutto il resto come va? Sei molto impegnata alla ricerca di un lavoro o altro?
    Baciotto 😀

  2. Sai che è vero? Cioè di fronte a un gesto gentile, inavvertitamente diventiamo gentili, se qualcuno ci sorride, istintivamente ricambiamo il sorriso… e ne ho avuto prova anche con la categoria degli impiegati, unanimamente considerati musono e scontrosi! 😀

  3. A volte non ci vuole molto, basterebbe un piccolo gesto gentile, una piccola sorpresa, un sorriso sincero, e migliorerebbe il nostro umore e anche quello degli altri!

  4. Sai che, oltre a essere un delizioso racconto, è anche una bellissima idea? Tutti ci lamentiamo in continuazione della scortesia e della musoneria altrui, ma dovremmo anche chiedrci se noi ci comportiamo diversamente e cosa facciamo, nel nostro piccolo, per migliorare la vita!